Web Master
 

Posta elettronica:

castelciuff@yahoo.it

 

telefono:

3803.2076.92

 

Indirizzo

00063 Campagnano di Roma - via dei Condotti, 48 G

 

Visite:  

  

Sommario:

Home
Indice dei commenti
note legali
Armando
 

...in costruzione....

 

 

 

 

 

 

 

 

"La finestra sul cortile"

 sito di scienza e fantascienza

Raccolta di pensieri ed opinioni sulla vita extraterrestre

 

Il lato nascosto delle cose: la materia oscura.

Il vero genio, secondo me, sta, fondamentalmente, nel saper scoprire il lato nascosto delle cose: affinare tale capacità significa cogliere il senso vero della vita. Ciò è vero nel campo della giustizia, in quanto non basta conoscere le norme perché, per applicarle correttamente, bisogna infatti (prima di ogni altra cosa), pervenire alla verità, quella verità che, purtroppo, si nasconde sempre agli occhi dei più. Ma ciò è altrettanto vero nel mondo che ci circonda, invero molto più complesso e misterioso di quello che sembrerebbe ad una prima analisi. 

I moderni scienziati sono infatti alle prese oggi con una elementare constatazione: quella per cui cade sotto la percezione dei nostri sensi soltanto il 5% della materia dell'universo: si tratta di quella materia della quale anche noi siamo fatti e della quale sono fatte anche le stelle. 

Ma qualcuno ha constatato che esiste un "quid" misterioso che impedisce alla forza centrifuga di provocare la dispersione delle galassie, formate da agglomerati di milioni e milioni di stelle, che  "piega" la luce e persino i "lampi radio" che attraversano costantemente le immense distanze cosmiche..

Insomma è la così detta "materia oscura", della quale esistono ormai solide prove scientifiche. Una materia che noi umani non vediamo, che ci attraversa costantemente, della quale siamo circondati, che rappresenta in pratica lo "scheletro" dell'universo, formando sentieri segreti percorsi dalle galassie stesse, che rallentan i processi cosmici più violenti, che consente in pratica al nostro universo conosciuto di continuare ad esistere così come noi lo vediamo.

E così la missione del telescopio spaziale "Euclid" consiste principalmente nell'individuare i così detti "anelli di Einstein", che circondano i pianeti, mentre quella di "Xenon 1-T"- prodigiosa macchina allocata nelle viscere del Gran Sasso - consiste nell'individuare le impronte lasciate dalle micro - particelle di tale materia nel gas raro di cui porta il nome, nella speranza di capire finalmente di cosa è fatta tale materia oscura.

Tutto ciò è quanto ci racconta oggi la ricerca scientifica pionieristica, che si spinge, al di là del mondo conosciuto, ad interpretare fenomeni altrimenti inspiegabili.

Ma la fantasia umana può andare ben oltre, ad immaginare intelligenze diverse dalla nostra, ma nel contempo molto più potenti e vaste. Ma ciò che immagina costituisce anche qui una ipotesi sul lato nascosto della vita, che certamente non si esaurisce in quella da noi conosciuta, così come non si esaurisce in quella da noi percepita, nemmeno la materia presente negli spazi interstellari.

                                                                                        Roberto Castellano